Parlare sporco durante il sesso senza sentirsi in imbarazzo

dirty talk

Parlare sporco durante il sesso senza sentirsi in imbarazzo

La comunicazione è al centro di ogni connessione sessuale. Poiché ci sono ancora così tanti segnali contrastanti sull’espressione sessuale, soprattutto per le donne, molte di noi lottano per sentirsi sicure del nostro linguaggio sessuale, sia che si tratti di chiedere ciò che vogliamo e o di migliorare un’esperienza con scenari tabù o parole hardcore. Sviluppare uno stile di dirty talk è lo stesso di qualsiasi altro stile personale, dalla scelta del rossetto al tuo gusto musicale: a volte le tue scelte sono audaci e a volte sono di routine, ma esprimono sempre una te unica e bellissima. Ho parlato sporco professionalmente – come in macchina fotografica e sulla stampa – per un decennio. Ecco 10 consigli che ho imparato per sviluppare il tuo personale stile di dirty talk.

1. Chiedetevi: come mi piace descrivere il mio corpo?

Uno dei fondamenti del dirty talk è capire come ti piace descrivere la tua fisicità a te stesso e ai tuoi partner. Il linguaggio del corpo può essere un linguaggio di affermazione così come di possibilità erotica. Il linguaggio anatomico è molto sessuato, quindi essere in grado di scegliere quali parole preferite per descrivere il vostro corpo, e far sapere ai vostri partner che questo è il modo in cui preferite essere descritti, può essere una meravigliosa espressione di libertà. Ancora una volta, rigira la domanda su te stessa: mi piacciono le parole da manuale come vulva per descrivere le mie parti intime, o preferisco il linguaggio X-rated come figa o fica? Pensa a come le seguenti parole potenzialmente erotiche sono femminili, maschili o neutre rispetto al genere: tette, cazzo, pacco, culo, capelli, bocca. È il tuo corpo: prendi la proprietà di come viene descritto.

2. Pensa a quali aggettivi ti eccitano

Nel sesso come nel resto della vita, tutti amano essere lusingati. Quindi pensa a quali parole ti fanno sentire bene con la tua sessualità. Forse ti piace essere cattiva o seducente all’occasione, o forse ti piace che ti dicano che sei morbida e dolce (ehi, puoi essere entrambe le cose!). Pensate alle parole che esaltano il vostro amor proprio – succoso, caldo, stretto, forte, carino, liscio – e chiedete con entusiasmo anche i preferiti del vostro partner.

3. Cosa ti piace fare, e quali sono i verbi migliori per descriverlo?

Il sesso riguarda l’azione, e il miglior dirty talk è una chiamata all’azione. I tuoi verbi sporchi preferiti potrebbero essere oscenità evocative (il mio preferito, per esempio, è scopare). Anche i complimenti vanno bene con i verbi; “Amo il modo in cui mi succhi” è un ottimo motivatore per ottenere esattamente il tipo di succhiata che vuoi, mentre “Nessuno mi fa sborrare come te” è un’espressione perfettamente sconcia di tenerezza.

4. Sedurre, narrare, controllare

Gli studenti dei miei corsi di dirty talk mi dicono sempre che il loro più grande ostacolo al successo della comunicazione erotica è il fatto che la mente si svuota nella foga del momento. Ecco un consiglio facile da ricordare per questo: si può sempre sedurre (parlare del futuro), narrare (parlare di ciò che sta accadendo nel presente) o fare il check-in (tornare a qualcosa che è accaduto nel passato). Per dirla nel modo più semplice possibile: Sto per scoparti / ti sto scopando / ti ho scopato. La seduzione può iniziare settimane prima attraverso il testo, e portare fino a un momento stuzzicante dei preliminari, dichiarando i tuoi progetti sul corpo del tuo partner. La narrazione al presente è un modo semplice e sorprendentemente potente per trasformare il linguaggio in una sorta di vibratore per la tua mente, migliorando ciò che tu e il tuo partner state già godendo. E il check-in è un modo per ottenere più chilometraggio dal vostro fantastico sesso inviando un promemoria per il dopo, riportandovi nel momento con la frase più semplice.

5. Fuori dalla camera da letto

Dirty talk: non più solo per la camera da letto. Prova a scivolare in un linguaggio vietato ai minori durante un compito banale, come fare il bucato, per far sapere al tuo partner che non riesci a smettere di pensare al sesso bollente della scorsa notte… o a quanto sei pronta per il secondo round, non appena la centrifuga è finita. Questa è l’occasione perfetta per essere un po’ sciocchi e abbracciare i doppi sensi: sviluppate insieme il vostro linguaggio segreto in codice.

6. Metti in atto delle buone strategie

Una delle critiche più odiose della cultura del consenso è che il consenso esplicito toglie il brivido della seduzione. La mia contro-critica: ovviamente non lo stai facendo bene! Immagina che qualcuno che ti piace molto si appoggi a te per mormorarti all’orecchio: “Mi sto divertendo molto con te e voglio davvero portarti a casa stasera”. Pensa a quanto sia divertente istruire qualcuno esattamente come vuoi che ti faccia la testa. Esercitatevi ad essere assertivi, a fare domande e a dare indicazioni per essere sulla stessa pagina gloriosamente soddisfacente con i vostri partner.

7. Giocate a “E se…”

Diciamo che tu e il tuo partner volete fare una cosa a tre. Prima di perseguire seriamente una caccia all’unicorno, perché non fantasticare insieme all’interno della vostra routine sessuale stabilita? Stimolatevi a vicenda ad esplorare diverse situazioni: se portassimo qualcuno a casa dal bar, cosa vorreste fare per prima cosa? Potete raccontare cose che non stanno tecnicamente accadendo per vedere come il vostro partner risponde a diversi stimoli linguistici. Questo tipo di improvvisazione erotica è il modo perfetto a bassa pressione per costruire sui desideri l’uno dell’altro; così quando arriva il momento di portare a casa quel vero unicorno, si sa molto di più su come realizzare le fantasie di tutti.

8. Sperimentate il gioco di ruolo

Il gioco di ruolo erotico offre la possibilità di entrare in contatto con diversi aspetti della vostra identità sessuale, e non avete bisogno di costumi costosi per farlo. Una semplice parola può farti entrare direttamente nel personaggio che vuoi incarnare, sia che si tratti di una “principessa” coccolata che è pronta per essere servita da un subalterno, o un “cucciolo” esuberante che vuole giocare duro. Usa la tua immaginazione per usare parole diverse per te e per il tuo partner: anche qualcosa di semplice come Sir, Boss, o Mistress può invocare una nuova potente dinamica.

9. Smettila di preoccuparti e ama la tecnologia

L’intersezione tra dirty talk e tecnologia è un argomento così vasto che ci ho letteralmente scritto un intero libro. Uno dei temi più grandi che volevo sottolineare con quel progetto era che ogni innovazione tecnologica è uno strumento di appartenenza. Dalle tendenze attuali di sexting e video chat alle idee di un futuro non troppo lontano come il sesso in realtà virtuale e le fidanzate robot artificialmente intelligenti, abbiamo il potere di sfruttare la tecnologia per la connessione invece dell’alienazione. Tutto quello che dobbiamo fare è rimanere radicati nei bisogni che ci rendono umani.

10. Prendete ispirazione ovunque la troviate

Recentemente stavo riguardando alcuni DVD porno della mia collezione quando mi sono reso conto di aver dimenticato quanto sia sempre azzeccato il turpiloquio della superstar Sasha Grey. Lei fondamentalmente non smette mai di parlare quando fa sesso, e il risultato è un incredibile flusso di coscienza. Ha usato alcune battute – come, “Non sei fortunato a farmi venire oggi?” – che ho immediatamente archiviato per usarle con la persona giusta. Ho anche preso ispirazione dalla musica (la mia ultima preferita è “Doves in the Wind” di SZA e Kendrick Lamar), dai film (adoro il modo in cui Margot Robbie dominava Leo in The Wolf of Wall Street), dalla letteratura (non smetterò mai di tornare a Anaïs Nin) e dall’erotismo (consiglio qualsiasi antologia curata da Rachel Kramer Bussell).

No Comments

Post A Comment